Sottoscrivi la nostra tessera associativa

Spazio Ginkgo è un incastro di ambizioni, visioni del mondo, desideri

Archivio delle categorieservizi per famiglie

spazio alla rinascita

Il doposcuola come luogo di rinascita: vi presentiamo l’analisi del lavoro di Spazio Ginkgo realizzata da cinque studenti del secondo anno dello Iulm del gruppo ScopriMI

“Una parola forte, piena di luce, in grado di donarci speranza e sicurezza”

Negli ultimi anni si è parlato spesso di questo tema, tanto da diventare oggetto di ricerca per un progetto universitario IULM del corso di Sociologia del cambiamento.

Noi del gruppo Scopri(MI), cinque studenti al secondo anno, abbiamo scelto di analizzare uno dei luoghi di rinascita della città di Milano: Spazio Ginkgo.

 

Spazio Ginkgo è un’associazione­ di promozione sociale, la quale si occupa dei bisogni e dell’ascolto e delle famiglie attraverso diverse attività.

In particolare, abbiamo scelto di concentrarci sul doposcuola, rivolto agli alunni delle scuole medie e al primo biennio delle scuole superiori, il quale si basa sullo studio, sul gioco, sull’imparare il rispetto e il lavoro di squadra.

Lo Spazio è un luogo quasi nascosto, situato nel mezzanino della stazione ferroviaria di Porta Vittoria, ma la sua posizione racchiude metaforicamente la ragione della sua esistenza.

È sotterraneo, perciò, come le radici di un albero, cerca di dare dei punti di riferimento al territorio, pone le basi per la costruzione del futuro dei ragazzi partendo dall’educazione e dalla formazione.

 

Inoltre, è un viaggio, un percorso che intraprendono da soli (o in compagnia), alla ricerca della giusta destinazione, diversa per ciascuno di loro.

 

La parte più interessante di questa ricerca è stato il dialogo con i ragazzi: parole, discorsi, gesti, sguardi.

Gli adulti hanno ormai imparato a mascherarsi, gestire le emozioni, talvolta fingere, ma i bambini sono trasparenti, comunicano molto più di quanto pensano di fare.

 

I giovani partecipanti arrivano da realtà difficili della Zona 4 del Comune di Milano: alcuni hanno problemi economici, altri di integrazione, altri ancora problemi in famiglia.

Tutti hanno personalità e caratteri diversi. C’è chi tiene allo studio, per sé stesso o per i genitori, chi non sa bene perché si trova li, chi vuole solo divertirsi (e divertire gli altri) e chi cerca di calmarli.

Tuttavia, ciascuno di loro intrappola un potenziale che non vede l’ora di uscire. Sta all’educatore stimolarlo ma soprattutto insegnargli come gestirlo.

 

Le difficoltà di questi ragazzi cambiano il loro punto di vista, percepiscono determinate situazioni in modo diverso e si comportano di conseguenza.

Quello dell’educatore non è un lavoro facile perché i partecipanti sono tanti, ciascuno ha esigenze diverse, e immedesimarsi di continuo richiede molta flessibilità mentale. Bisogna imparare a guardare il mondo coi loro occhi, ma rispondere usando anche l’esperienza dell’adulto. Così si crea il mix perfetto tra creatività e rispetto, il quale porta ad un dialogo stabile tra il ragazzo e l’educatore.

 

Basta un pomeriggio, sedersi al banco con uno di loro, aiutarlo a fare i compiti o preparare un gioco insieme, e durante la strada per tornare a casa non farai altro che pensare ai suoi occhi che cercano di dirti grazie ma non sempre sanno come farlo.

Spazio Ginkgo è un luogo che ci ha affascinato fin da subito per la sua semplicità e per la sua missione.

Purtroppo, non sempre la comunità e le istituzioni si rendono conto dell’importanza del ruolo di queste associazioni, riponendo così poca fiducia o non contribuendo economicamente.

 

La scuola è uno dei punti critici nello sviluppo del bambino. Dovrebbe insegnarti a sbagliare, rimediare e riprovare, anche insieme ai propri compagni. Ciò serve a sviluppare un senso di comunità nel bambino, che cerca di fare del bene per sé stesso e per gli altri. Questo è un lavoro che richiede molta pazienza e nell’ambiente scolastico, secondo la nostra personale esperienza, spesso viene a mancare.

Ed è proprio qui, dove non arriva la scuola, che Spazio Ginkgo interviene a supporto.

Per questi motivi, Riconosciamo Spazio Ginkgo come fondamentale luogo di rinascita sociale di un territorio in difficoltà che mira a ripartire dai più piccoli.

 

 

Nella foto la gita del gruppo del doposcuola di via Montevelino al parco di Monza, una piccola avventura metropolitana, degna conclusione di un lungo anno di scuola, studio, impegno e fatica resa possibile anche grazie al sostegno di Fondazione di Comunità Onlus

nuovo doposcuola a villapizzone

Spazio Ginkgo insieme ad Artepassante partecipa alla Civil Week, la settimana del senso civico e del volontariato a Milano, un evento di tre giorni che contaminerà tutta la città con eventi, dibattiti, incontri e tantissimi appuntamenti – tutti gratuiti – aperti alla cittadinanza.

Con l’occasione Spazio Ginkgo, che dal 2017 si impegna sul territorio della zona 4 per favorire la diffusione di buone pratiche educative con i suoi progetti e la sua attività nelle scuole e sul territorio, presenterà al territorio di zona 8 – quello di Villapizzone – un suo nuovo servizio di sostegno allo studio e doposcuola per tutti i minori del territorio.

Da settembre del 2022, infatti, tutti i ragazzi e le ragazze e i bambini e le bambine che abitano nel quartiere Villapizzone di Milano (zona 8) potranno accedere allo spazio compiti di Spazio Ginkgo, all’interno del passante, in quello che si chiamerà Spazio Polline.  

 

Lo Spazio Polline presso la stazione del passante di Villapizzone, zona 8 Milano

Spazio Polline, la settima delle stazioni del Passante Ferroviario di Milano che grazie alla rete Artepassante offre ai residenti del quartiere spazi di cultura, aggregazione e incontro, sarà inaugurato, dopo mesi di lavori, in occasione della manifestazione della Civil Week.

Lo spazio Polline sarà aperto e visitabile per tutti e tre i giorni della Civil Week, e molti saranno i momenti di intrattenimento offerti, tra cui il laboratorio di Libera Pittura con l’amico e sostenitore di Spazio Ginkgo, l’artista Lorenzo Taini e il laboratorio ludico educativo “Esplorando la tavola periodica”, con Camilla Cavallotti dei Gippimici, storica collaboratrice di Spazio Ginkgo, che farà giocare e divertire tutti i bambini da 7 a 70 anni riscoprendo, o scoprendo per la prima volta, la meraviglia della tavola degli elementi di Mendeleev. Camilla Cavallotti, figlia di un importante professore di Chimica del Politecnico di Milano, ha imparato la meraviglia della chimica in casa con suo padre quando era una bambina, e attraverso la sua fondazione I Gippimici (da Gippi, il soprannome del suo defunto papà) contribuisce a diffondere tra i più giovani l’amore per le scienze, la ricerca, la bellezza degli elementi e la meraviglia per una materia, apparentemente distante dalla vita di tutti giorni, come la chimica.

Il laboratorio “Esplorando la tavola periodica”, è previsto sabato 7 maggio presso lo Spazio Polline dalle 15 alle 17, il contributo è libero, e le offerte che arriveranno saranno devolute per una borsa di studio al Politecnico per studenti meritevoli.

Tutti i laboratori vanno prenotati scrivendo una mail a eventi.lebellearti@gmail.com

iscriviti al doposcuola per l’anno 22-23

Il doposcuola di Spazio Ginkgo per i ragazzi di medie e primo biennio delle superiori riparte la prima settimana di ottobre.

Le iscrizioni al doposcuola sono aperte e i giorni di sostegno confermati. Come sempre il doposcuola di Spazio Ginkgo si svolge il martedì e il mercoledì dalle 14:30 alle 17:30. Al fianco dei ragazzi ci sono i nostri educatori professionisti, per la parte didattica educativa, e i nostri volontari a sostegno.

Confermato anche lo spazio d’ascolto per ragazzi e genitori il martedì pomeriggio.

Il contributo per partecipare ai due giorni di doposcuola è pari a 100 euro al mese per 6 ore di doposcuola alla settimana (24 ore al mese). I ragazzi potranno anche partecipare a una sola delle due giornate, e il contributo sarà di 60 euro al mese per 12 ore di doposcuola complessive.

Per motivi assicurativi è necessario sottoscrivere sia la tessera di Spazio Ginkgo (10 euro) e sia la tessera di Artepassante (20 euro).

Tutti questi contributi sono utilizzati per garantire un congruo rimborso spese agli educatori, che sono tutti educatori professionisti e laureati, e per coprire le spese dello spazio, delle utenze, di pulizia e di assicurazione.

Inoltre con la tessera associativa di Artepassante si può usufruire di una serie di sconti e agevolazioni (leggi a questo link l’elenco di convenzioni con fondazioni, teatri, musica, arte, bar ristoranti, salute, vacanze e materiali)

Protocollo di sicurezza anti-Covid:

Spazio Ginkgo  – come tutti gli spazi di Artepassante all’interno del Passante di Porta Vittoria – viene sanificato ogni 4 settimane con una macchina per la disinfezione tramite micronebulizzazione di Perossido d’Idrogeno in concentrazione superiore al 7,5%.  All’ingresso dello spazio è disponibile il gel per la sanificazione delle mani ed è obbligatorio indossare la mascherina, se non si può mantenere la distanza di un metro. Inoltre viene tracciata la presenza di chiunque entri nello spazio (semplicemente facendo indicare nome, cognome e numero di telefono).

scuola scacchi: via alle iscrizioni

La scuola scacchi per bambini dai 6 agli 11 anni di Spazio Ginkgo, giunta ormai al terzo anno, apre le iscrizioni per l’anno 2019-20. Come da tradizione le lezioni si svolgono il sabato mattina, a sabati alternati, dalle 10:30 alle 12:00.

Quest’anno cambiamo sede e ci allarghiamo. Salutiamo gli spazi amati di via Maestri Campionesi 26, per trasferirci in una realtà più ariosa e multiforme, poco lontana. Spazio Ginkgo APS, infatti, ha trovato la sua nuova casa al Passante di Porta Vittoria.

La prima occasione per visitare la nuova sede, e per rivederci, sarà SABATO 12 OTTOBRE alle 10:30 in occasione dell’open day della scuola di Scacchi. Oltre a noi, sarà presente il maestro Giuseppe Andreoni e alcuni suoi collaboratori per mostrare ai bambini, e illustrare ai genitori, tutte le meraviglie di questo gioco.

Gli scacchi per noi non sono soltanto un gioco, ma un sistema educativo.

Concentrazione, rispetto delle regole e dell’avversario, competizione governata, e sviluppo di tattica e strategia sono sono alcune delle qualità che derivano dal gioco assiduo sulla scacchiera.

Oltre alle lezioni, Spazio Ginkgo organizza almeno due tornei all’anno (edizione “invernale” al chiuso ed edizione “primaverile” al Giardino delle Culture). 

Assieme con i partecipanti del corso di scacchi per adulti, inoltre, organizziamo anche un torneo genitori figli, in cui grandi e piccoli si alleano o si sfidano a colpi di scacchi al re e di arrocchi.

Vi aspettiamo!

scacchi in piazza: la classifica e le foto

Il torneo “Scacchi in piazza” al Giardino delle Culture è stato un vero successo. I piccoli scacchisti si sono sfidati, con calma e concentrazione, dalle 14:30 fino alle 17:30. Alla fine dei sei incontri il vincitore è risultato essere Jan Dettori.

Al torneo hanno partecipato 20 bambini, dai sei agli undici anni. Dodici maschi, e otto femmine. Uno si è ritirato a metà.

A metà competizione, grazie al contributo del Municipio 4 del Comune di Milano, è stata offerta una ricca merenda a base di pane e nutella, focaccia e succo di frutta. Rituale insolito nei tornei di scacchi, ma molto apprezzato dai bambini!

Momento relax tra una partita e l’altra

La classifica

1 6.5 Jan Dettori
2 5.0 Leonardo Laurel
3 5.0 Sunnane Rahman
4 5.0 Carlo Abategiovanni
5 4.5 Alessandro Russo
6 4.0 Brianna Aveiron
7 4.0 Massimo Anelli
8 3.5 Sara Strocchi
9 3.5 Isabella Marie Alderighi
10 3.5 Giulia Renna
11 3.5 Dante Solari
12 3.0 Matteo De Padua
13 3.0 Lorenzo Politi
14 3.0 Rahma Fall
15 2.0 Edoardo Scozzafava
16 2.0 Marco Anelli
17 1.5 Manfredi Isgrò
18 1.5 Mariacelesta Pellarin
19 1.0 Giada Re

Locandina del torneo di scacchi con il contributo del Municipio 4